A undici anni dall’inizio del conflitto in Siria, la situazione umanitaria rimane drammatica. Le ostilità sono ancora irrisolte, con 14,6 milioni di persone attualmente bisognose. Quasi 7 milioni di persone sono state sfollate internamente, mentre 6,7 milioni di siriani sono fuggiti dal Paese in cerca di rifugio. La situazione è peggiorata a causa di fattori umani e climatici come il ridotto accesso all’acqua e all’energia, mentre la mancanza di raccolti, unita alla svalutazione della valuta siriana, hanno lasciato il 90% della popolazione al di sotto della soglia di povertà. E’ stato richiesto un totale di 4,4 miliardi di dollari per finanziare il Piano di risposta umanitaria in Siria (HRP) 2022-2023, ma finora è stato coperto solo l’8,1%.

Il finanziamento per rispondere alle esigenze umanitarie richiede un’azione urgente

Attualmente, 12 milioni di persone in Siria necessitano aiuta e accesso alla salute, di cui 8 milioni in condizioni gravi. Quasi la metà di loro – il 44% – sono bambini o giovani adolescenti. Le malattie non trasmissibili (NCD) rappresentano il 45% della mortalità registrata.

I danni e le problematiche legate ai conflitti e la grave carenza di risorse hanno reso il sistema sanitario, in tutto il Paese, incapace di rispondere ai bisogni sanitari della popolazione. Nel 2021, solo il 56% delle strutture di assistenza sanitaria di base (PHC) e il 63% degli ospedali erano completamente funzionanti.

È stato fornito appena il 2,1% delle risorse necessarie per il settore sanitario in Siria, lasciando un deficit di finanziamento di 582 milioni di dollari.

Nelle regioni in cui operano Médecins du Monde (MDM) Francia, Spagna e Turchia, la situazione sanitaria continua a essere critica e la mancanza di fondi non farà che peggiorare la situazione.

Nella Siria nord-occidentale (NWS) sono operative solo 426 strutture sanitarie, che servono 4,4 milioni di persone di cui 3,1 milioni bisognose di assistenza sanitaria. Una delle aree in cui questa carenza si fa sentire ancor di più è l’area dell’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva.

La situazione non è migliore nel nord-est della Siria (NES), dove problemi simili sono stati aggravati dalla crisi del fiume Eufrate del 2021, che ha provocato un focolaio di malattie trasmesse dall’acqua e leishmaniosi che ha colpito il 7 % della popolazione. Mentre nel sud della Siria, il numero limitato di strutture sanitarie funzionali e di risorse umane e di altro tipo non ha lasciato alle comunità locali altra scelta che rivolgersi a cliniche private, che addebitano tariffe elevate, al di fuori della portata della maggior parte delle persone. I pagamenti privati per la salute hanno provocato il non accesso per molte persone che non possono accedere al sistema sanitario o incorrere in difficoltà finanziarie quando utilizzano i servizi sanitari.

Infine, la pandemia di COVID-19 continua a essere una seria preoccupazione nel Paese, con cifre in aumento, NWS ha avuto 5.386 nuovi casi a marzo 2022 per un totale di 102.884 casi e 2.459 decessi. Mentre in NES al 2 aprile ci sono stati 38.522 casi e 1.645 morti.

MDM esorta tutti i donatori, ma in particolare le istituzioni dell’UE e i suoi Stati membri a rinnovare il loro impegno con la popolazione siriana aumentando i loro finanziamenti ai diversi attori umanitari che rispondono ai bisogni delle persone nell’intero paese e, in particolare, a settori critici come la salute, marcatamente sotto finanziato.

La necessità urgente di integrare un piano di risposta alimentare e nutrizionale

L’assistenza alimentare e nutrizionale è considerata la necessità più urgente dal 71% dei capifamiglia siriani, mentre 12,4 milioni di persone soffrono di insicurezza alimentare e 1,3 milioni devono affrontare una grave insicurezza alimentare. Si stima che 5,5 milioni di persone abbiano bisogno di servizi nutrizionali, una su tre ha meno di 17 anni. Ci sono 873.095 persone in condizioni di grave bisogno nutrizionale, mentre 2,4 milioni di persone sono in condizioni di estremo bisogno e 2,1 milioni di persone in un bisogno catastrofico. Si prevede che il numero delle persone bisognose di servizi nutrizionali continuerà ad aumentare nel 2023. I gruppi più vulnerabili sono le madri e i bambini tra 0 e 59 mesi (6 anni), 3,8 milioni di bambini soffrono di malnutrizione cronica e acuta.

In NWS, i tassi di malnutrizione sono più bassi rispetto all’intera Siria. Tuttavia, un milione di persone è considerato a rischio di insicurezza alimentare. Ad aprile 2019, l’ultimo sondaggio SMART condotto a Idlib e nella zona rurale di Aleppo, ha riportato tassi di arresto della crescita tra i bambini di età compresa tra 6 e 59 mesi di circa il 19,3%.

Nel NES, il 15% dei bambini sotto i 5 anni è cronicamente malnutrito e il 5% è gravemente malnutrito. Inoltre, il tasso globale di malnutrizione acuta è aumentato dall’1,7% nel 2020 al 4,7% nel 2021.

La copertura finanziaria per la componente Nutrizionale e Alimentare del Piano di risposta umanitaria rimane estremamente bassa: 1%; almeno 124 milioni di dollari sono immediatamente necessari.

Esortiamo tutti i donatori, ma in particolare le istituzioni dell’UE e i suoi Stati membri a fornire finanziamenti adeguati al settore della nutrizione. Gli effetti della malnutrizione nell’infanzia sono irreversibili, una risposta non può più essere ritardata.

Gli attacchi all’assistenza umanitaria nel settore sanitario restano una sfida critica

La risoluzione 2286 (2016) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite condanna “gli atti di violenza, gli attacchi e le minacce contro i feriti e i malati, il personale medico e il personale umanitario impegnati esclusivamente in compiti medici, i loro mezzi di trasporto e attrezzature, nonché ospedali e altre strutture mediche […]”.

Tuttavia, le strutture mediche in Siria continuano ad essere bersaglio delle ostilità in corso. Nel primo trimestre del 2022 tre attacchi sono stati diretti contro strutture e personale sanitario. Due di questi attacchi hanno avuto un impatto sull’infrastruttura medica e tutti e tre hanno colpito pazienti o personale. Di conseguenza, due operatori sanitari sono stati uccisi. Gli attacchi all’assistenza sanitaria sono in aumento, in particolare nella Siria meridionale e il numero totale di attacchi segnalati nel 2021 supera le cifre registrate nel 2020.

Il lavoro di riabilitazione delle strutture sanitarie rimane inadeguato. Secondo i dati raccolti all’inizio del 2022, solo tre strutture sanitarie sono state ristrutturate o riabilitate nel nord-ovest della Siria.

    • Il diritto umanitario internazionale ei principi umanitari dovrebbero essere rispettati dagli Stati e da tutte le parti in conflitto.
    • Chiediamo agli Stati membri dell’UE di adempiere al loro obbligo di rispettare e garantire il rispetto del diritto umanitario internazionale come stabilito dall’articolo 1 comune alle Convenzioni di Ginevra.
    • Pertanto, chiediamo al sistema delle Nazioni Unite e agli Stati membri dell’UE di fare pressioni sul governo siriano affinché indaghi e persegua completamente tutti gli attacchi contro il personale sanitario e le strutture per garantire la responsabilità.
    • Gli Stati membri dell’UE dovrebbero avvalersi della giurisdizione universale in caso di assenza di un’azione significativa.

Il lavoro di MDM in Siria

MDM ha iniziato le sue attività nel 2008, fornendo servizi di assistenza sanitaria primaria nel governatorato di Aleppo in collaborazione con la Mezzaluna Rossa Araba Siriana (SARC), prima dell’inizio del conflitto. Con lo scoppio delle ostilità, MDM ha adattato la sua risposta per rispondere meglio ai bisogni della popolazione siriana.

Durante gli undici anni del conflitto siriano, MDM si è impegnata in numerose attività medico-umanitarie volte ad assistere le vittime della guerra. La complessità del conflitto – con numerosi attori, accesso limitato, attacchi diretti al personale sanitario e alle strutture e bisogni massicci – ha portato a una risposta altrettanto complessa. MDM realizza attività direttamente o attraverso partnership con attori locali nel nord-ovest, nord-est e sud della Siria e nei paesi vicini con i rifugiati siriani.

Leave a Comment