I vaccini sono considerati strumenti essenziali nella lotta alla pandemia da Covid-19, eppure solo poche aziende farmaceutiche hanno il controllo sulla produzione e la vendita di queste tecnologie; stanno guadagnando enormi profitti lasciando 2,6 miliardi di persone senza accesso ad essi. Medici del Mondo vuole sfidare questo monopolio avviando un’azione legale presso l’Ufficio europeo dei brevetti (EPO).

 

Una chiara mancanza di attività inventiva, che fa parte dei criteri richiesti per ottenere un brevetto

Medici del Mondo ritiene che le due domande di brevetto depositate da BioNTech all’EPO siano sottovalutate. BioNTech ha implementato direttamente le conoscenze esistenti dallo sviluppo di vaccini per altri coronavirus e vaccini mRNA, entrambi prodotti da ricercatori e ricercatrici accademici. In altre parole, Pfizer/BioNTech ha avuto bisogno solo di poche settimane per produrre il suo vaccino Covid-19, perche’ la scienza era gia’ li.   

Profitti illimitati per poche aziende private a scapito dell’interesse pubblico

Il settore pubblico ha fornito più di 50 miliardi di dollari alle aziende private per sostenere la ricerca e lo sviluppo (R & S) dei vaccini Covid-19, assumendo il rischio finanziario del loro sviluppo. Oggi, Pfizer/BioNTech detiene il 70% del mercato europeo del vaccino Covid-19. Hanno generato decine di miliardi di dollari nel 2021, mentre le previsioni promettono vendite globali da record nel 2022.

È tempo che gli Stati europei, e la Francia in particolare, riprendano il controllo e permettano una condivisione più equa degli investimenti pubblici. In Francia, più di 4 miliardi di euro avrebbero potuto essere risparmiati e reindirizzati al sistema sanitario pubblico nel 2021 e 2022. Il governo può ancora intervenire e riequilibrare le risorse tra alcune imprese private e l’interesse generale.

Leave a Comment