Medici del mondo chiede parità nell’accoglienza secondo gli standard dei diritti umani per tutti i richiedenti asilo e rifugiati.

Alla luce del continuo movimento di profughi in fuga dalla guerra in Ucraina, MDM ribadisce il suo appello a tutti i governi ad accogliere senza discriminazioni e secondo gli standard internazionali tutti i richiedenti asilo e rifugiati indipendentemente dalla loro provenienza.

Combattendo per tutti i diritti umani, e in particolare il diritto universale alla salute, Médecins du Monde sostiene con forza le iniziative in corso per accogliere apertamente coloro che fuggono dall’Ucraina. Accogliamo con favore la mobilitazione di risorse di attori sia pubblici che privati ​​e le modifiche legislative per migliorare l’accesso ai servizi e ai diritti fondamentali – come il sistema sanitario, il permesso di soggiorno, la libertà di movimento, il diritto al lavoro e all’istruzione. La realizzazione di questi diritti umani fondamentali è essenziale per la salute e il benessere di coloro che fuggono dall’Ucraina.

Questo vale per tutti i richiedenti asilo e rifugiati. Tuttavia, molti rifugiati provenienti da altri paesi, cittadini di paesi terzi o apolidi ucraini spesso non godono dello stesso accesso ai diritti e ai servizi fondamentali. Ora è tempo che i governi dimostrino di non distinguere tra esseri umani bisognosi in base alla loro origine, sesso, religione o colore della loro pelle. Nessuna gerarchia deve essere stabilita tra le persone in cerca di protezione. Il diritto a non essere discriminati è sancito da numerosi trattati internazionali sui diritti umani e la Convenzione sui rifugiati del 1951 proibisce specificamente la discriminazione tra i rifugiati in base alla razza, alla religione o al paese di origine.

Chiediamo quindi ai nostri governi di garantire a tutti un accesso non discriminatorio ai servizi essenziali per tutti i profughi. Agiamo affinché il supporto e l’integrazione collettiva e rapida siano la regola e non l’eccezione.

 

 

 

Leave a Comment